SANIFICARE L’AMBIENTE (differente dalla pulizia)

E’ stato pubblicato il DPCM del 14 gennaio 2021, che avrà validità fino al 5 marzo 2021.

ULTIMO DPCM: 14 GENNAIO 2021

ALLEGATI AL DPCM 14 GENNAIO 2021

 

Il punto 4 del Protocollo 24 aprile 2020, recepito nell’allegato 6 del Dpcm 26 Aprile 2020 (attualmente sostituito con l’allegato 12 del Dpcm 13 Ottobre 2020), ha chiarito cosa si intende per “SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI NON SANITARI“.

Differenza tra “pulizia” e “sanificazione” dei locali:

La pulizia viene fatta con acqua e sapone o comuni detergenti.

La sanificazione è un intervento che elimina batteri e agenti contaminanti ed è il passo successivo alla pulizia. La sanificazione deve essere fatta come da indicazioni contenute nella Circolare 5.443 del Ministero della Salute del 22 febbraio 2020 e che individua le misure di igiene da prendere nei locali dove siano state presenti persone contagiate da Covid-19.

Per quanto riguarda l’attività di sanificazione/decontaminazione dei locali durante questa emergenza, si seguono a oggi le prescrizioni di cui la Circolare 5.443 del 22 febbraio 2020 del Ministero della Salute (scaricala qui) e la Circolare n. 3.190 del 3 febbraio 2020, secondo le quali occorre adottare le comuni misure preventive della diffusione delle malattie trasmesse per via respiratoria, e in particolare:

  • lavarsi frequentemente le mani;
  • porre attenzione all’igiene delle superfici;
  • evitare i contratti stretti e protratti con persone con sintomi simil influenzali;
  • adottare ogni ulteriore misura di prevenzione dettata dal datore di lavoro.

La sanificazione/decontaminazione deve avvenire utilizzando i DETERGENTI PER LA NORMALE PULIZIA DEL NEGOZIO E DELLE SUPERFICI ESPOSTE (con particolare attenzione ai camerini, maniglie delle porte, cassa, vetrine, servizi igienici, ecc…) e successivamente deve essere fatto un secondo passaggio con i DISINFETTANTI CONTENENTI:

  • IPOCLORITO DI SODIO (0,1%): soluzione tra acqua e candeggina allo 0,1% che significa, ad esempio, che – per un litro di prodotto – servono 10 ml di candeggina e 990 ml di acqua;

OPPURE

  • ETANOLO al 75%: ad esempio, per un litro, serve combinare 75 parti di alcol etilico e 25 di detergente neutro.

Precisiamo che non è necessario chiedere interventi di terzi per la pulizia e la sanificazione

 

Circolare 17.644
del 22 Maggio 2020

La Circolare 17.644 del 22 Maggio 2020 contiene “Indicazioni per l’attuazione di misure contenitive del contagio da SARS-CoV-2 attraverso procedure di sanificazione di strutture non sanitarie (superfici, ambienti interni) e abbigliamento“.

 

La circolare approfondisce i seguenti temi:

  • Valutazione del contesto
  • Definizione di sanificazione
  • Misure organizzative
  • Attività di sanificazione in ambiente chiuso
  • Procedure di pulizia e sanificazione per ambienti esterni di pertinenza
  • Tipologia di disinfettanti
  • Abbigliamento e materiali tessili
  • Procedure di sanificazione riconducibili a OZONO, CLORO ATTIVO generati in-situ, PEROSSIDO D’IDROGENO applicato mediante vaporizzazione/aerosolizzazione

Per quanto riguarda il tema della sanificazione di ABBIGLIAMENTO E MATERIALI TESSILI, si segnala che – come già indicato nelle Linee Guida di Federazione Moda Italia per la ripresa – si tratta di BUONE PRASSI, RACCOMANDAZIONI, SUGGERIMENTI da attuare sulla scorta delle specifiche esigenze dei singoli negozi di moda e NON DI OBBLIGHI DI LEGGE, riconducibili invece al DPCM del 17 maggio e successive integrazioni.

La Circolare n. 17.644, infatti, contiene NUMEROSE INDICAZIONI AL CONDIZIONALE a conferma della mera natura di RACCOMANDAZIONI, eccezion fatta per la SANIFICAZIONE DEI CAMERINI (pulizia e disinfezione superfici esposte) che DEVE essere effettuata in ragione della frequenza di utilizzo.

“Dopo la ripresa dell’attività, per gli ambienti chiusi sottoposti a NOTEVOLI AFFLUSSI DI PUBBLICO e contenenti materiali con esigenze di disinfezione aggiuntive per i CAPI DI ABBIGLIAMENTO, è opportuno programmare trattamenti giornalieri, o comunque a cadenza regolare definita.

Il rispetto di alcune buone prassi previste per il comportamento delle persone (uso di guanti e dispenser con gel idroalcolici all’ingresso delle cabine di provaimpedire contatto con la merce esposta senza guantiPOTENZIEREBBE gli effetti della sanificazione periodica dei locali; insieme LIMITEREBBERO la diffusione del virus anche nel caso in cui nei negozi di abbigliamento fosse offerta la possibilità di indossare il capo per prova.

camerini DEVONO essere sanificati (pulizia e disinfezione delle superfici esposte) in ragione della frequenza del loro utilizzo.

Il vapore secco SEMBRA ESSERE il metodo CONSIGLIABILE per la sanificazione degli abiti.

L’utilizzo di prodotti chimici è SCORAGGIATO per motivi legati alla stabilità dei colori, alle caratteristiche delle fibre ed al potenziale impatto eco tossicologico.

Le radiazioni ionizzanti sono DIFFICILMENTE esportabili a livello di attività commerciale: le lampade UV-C POTREBBERO essere un buon compromesso per costo-efficacia e rapidità d’uso, MA non per tutti i capi d’abbigliamento (ad es., è sconsigliato per biancheria trattata con sbiancanti ottici e per abiti in fibre naturali dai colori accesi o intensi).

Il lavaggio dei capi, sia in acqua con normali detergenti oppure a secco presso le lavanderie professionali, è certamente una BUONA PRASSI in grado di rispondere alle esigenze di sanificazione, MA rappresenta un processo di MANUTENZIONE STRAORDINARIO“.

SCARICA LA CIRCOLARE COMPLETA

 

Per organizzare la riapertura a norma di legge, si consiglia
di consultare anche le altre sezioni

 

 

 

Potrebbe piacerti anche

I commenti sono chiusi.